agescism

Scout 

ALBIGNASEGO 1°

agescism
Schermata2021-01-01alle18.31.33

RISORSE

 

LINK UTILI

INFO e CONTATTI

Concorso Presepi 2020!


facebook
youtube
instagram
Schermata2021-01-01alle18.31.33

Sede presso la Parrocchia di Sant'Agostino â€‹

via Tintoretto 8 35020 Albignasego (PD)

C.F. 92221790287

image-300

Scout 

ALBIGNASEGO 1°

dal 1992

Poche Regole

4. Segui questa pagina

1. Fatto assieme

3. Mandaci una foto

2. Carta Bianca!

Condividi con il resto del gruppo la vostra creazione! 

Mandaci una foto del presepre via mail!

Pubblicheremo tutte le vostre creazioni su questa pagina ogni weekend!

 

 

 

 

Oltre a trovare le vostre creazioni, grazie al nostro Noviziato conosceremo nuove particolarità sul Presepe. 

 

 

Non ci sono limiti su numero di statuine, luci, colori, ecc. 

Createlo da zero oppure usate statuine che avevate a casa! 

Sarà bellissimo! 

In un anno particolare, ricco di mascherine e distanze, è l'occasione per vivere in famiglia la creazione di un angolo dove ricordare un Grande Evento! 

 

scout.albignasego1@gmail.com

WhatsAppImage2020-11-29at19.09.27

La Nascita del Presepe

«Vorrei fare memoria di quel Bambino che è nato a Betlemme e in qualche modo intravedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si è trovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in una mangiatoia e come giaceva sul fieno tra il bue e l’ asinello». Era l’ anno 1223 e mancavano quindici giorni al Natale: san Francesco – che due settimane prima aveva avuto la gioia di veder approvata da papa Onorio III la Regola dei suoi frati – esprime questo desiderio a un certo Giovanni Velita (castellano del paese), «un uomo molto caro» al santo. E la notte di Natale 1223 un paesino nella provincia di Rieti, che si chiama Greccio, diventa la nuova Betlemme, con la scena della nascita di Cristo resa viva e palpitante, mentre Francesco vestito da levita, perché era diacono, canta con voce sonora il santo Vangelo e parla poi al popolo con parole dolcissime. 

È il primo presepe vivente nella storia!

Ma quanti erano i Re Magi? 

WhatsAppImage2020-11-29at19.09.36

La tradizione vuole che siano tre, ma questo numero è dato dalla relazione con i doni che portano: oro, incenso e mirra. In realtà sul numero dei Magi non si sa nulla con certezza e nemmeno sulla loro provenienza, a cui si accenna con un generico «da Oriente».

 

C'è una leggenda che narra ci fosse un quarto re Magio, che all’ inizio era partito con gli altri tre. Aveva deciso di regalare a Gesù un sacchetto di perle. Ma per strada, quando incontrava qualche bisognoso, ne regalava una. Di bisognosi ne incontrò parecchi perciò – regalane una di qua e regalane una di là – le perle furono presto finite. Lui non se la sentì di proseguire il viaggio a mani vuote e si fermò: che figura ci avrebbe fatto davanti agli altri che avevano conservato i loro preziosi doni? Ma quella notte sognò Gesù che lo ringraziava delle perle che gli aveva regalato. Far circolare il bene porta solo altro bene.

8215CB8C-9377-486C-923E-84C7FF0700A4.jpeg

IL VINCITORE

WhatsAppImage2020-12-22at19.59.231.jpeg
WhatsAppImage2020-12-22at19.59.23.jpeg

Vince per essenzialità e semplicità, mantenendo la significatività del contenuto: Gesù è Luce. 

 

Un grande complimenti all'Alice Cassini :-) 

 

Vince materiale Cooperativa Veneta Scout per le avventure di tutti i giorni: un libro scout, una nuova borraccia e un coltellino Opinel :)

 

Le creazioni e menzioni speciali! 

FBIMG1607598018091

Il più 

Elaborato e colorato

1307165264022643009738344606421925465857032n
1306032592081924342091272679637500989897510n
253110321974994008123135378099799297378055o

Il più

essenziale

FullSizeRender-11-12-20-03-41

Il più 

vario

20201212105218

Il più 

​Realistico e il più rurale

20201209175954

Il più 

ambientato

20201209175907
20201209175947
c5251548-d06b-4f88-92c8-f4fb93e5a62b

Il più 

Buono

(fatto di biscotti!)

b147353f-38cb-485b-92db-ef0655d30eee

Il più 

sostenibile

IMG0400

Il più 

antico

(statuetta di Gesù del 1800)

IMG1866

Il più 

accogliente in casa

IMG0376

Il più luminoso

image1

Il più

giocoso

WhatsAppImage2020-12-23at09.39.421.jpeg

Il più montuoso

IMG1397.JPG

Il più

curato nei dettagli

IMG1407.JPG

Il più

ingegneristico

e4fc8651-ddd1-4dba-8ce5-c1c57b4380e0

Il più

attuale

IMG20201223112141

Il più

Prospettico

3b5ecdd3-7c34-4ee4-ac3e-5d6d2c72db14

Il più

descrittivo

Schermata2021-01-01alle19.06.55

Il più

popoloso

Le curiosità natalizie che pochi sanno 

1. Jingle Bells, la prima canzone cantata nello spazio
Il 16 dicembre 1965 due astronauti, Schirra Jr. e Thomas P. Stafford, a bordo della navicella Gemini 6, conclusero il primo attracco della storia ad un’altra navicella (la Gemini 7).
Ebbene, i due astronauti – a cui non mancava di certo il senso dell’umorismo – decisero prima di fare uno scherzo al centro di controllo facendogli credere di aver avvistato un ufo. Subito dopo lo scherzo, i due astronauti intonarono Jingle Bells utilizzando, come accompagnamento, un filo con dei campanellini.

 

2. La Statua della Libertà è stato il regalo di Natale più grande e pesante al mondo
La famosa statua, simbolo della città di New York è stata donata dai francesi agli Stati Uniti d’America proprio nel giorno di Natale. La statua fu trasportata in 1883 case tramite nave ed è simbolo e segno dell’amicizia tra francesi e americani. 

 

3. Giotto è stato il primo pittore a disegnare la stella cometa con la coda
E’ stato Giotto, nel 1299, il primo pittore ad aver disegnato la stella cometa con la coda, discostandosi dall’iconografia tradizionale della stella stilizzata costituita da molte punte.

 

4. Da cosa deriva la parola “Panettone”?
Da uno “sbaglio culinario”, a quanto pare. La parola Panettone deriverebbe da “Pan di Toni” ovvero un dolce inventato dall’aiuto cuoco della famiglia Sforza per rimediare ad un errore culinario

 

5. Le origini della parola “presepe”
La parola “presepe” deriva dal latino “praesepe” che vuol dire “mangiatoia”.

 

6. Perchè si addobba l’albero di Natale?
La tradizione di addobbare l’albero di Natale ha le sue radici e origini nell’antico Egitto. Qui, durante il culto del Sole, si usava addobbare una piramide. Questa tradizione è stata poi ripresa anche dai popoli del nord che, ovviamente, non avendo a disposizione una piramide, la sostituirono con un abete. Addobbare l’albero di Natale arricchendolo con lucine colorate simboleggia, come nel culto del Sole, la luce della vita.

 

7. La “breve vita” dei giochi regalati a Natale
Si stima che il 40% dei giochi regalati a Natale ai bambini si romperanno entro il mese di marzo!

 

8. Perché sull’albero di Natale appendiamo le palline colorate?
Le palline colorate poste sull’albero di Natale simboleggiano le abilità di un vecchio giocoliere. La tradizione vuole che, a Betlemme, un povero artista si esibiva durante il periodo natalizio. L’artista era molto povero e si rammaricava di non avere nulla da offrire al Bambino Gesù. Ebbene, il giocoliere decise di donare a Gesù la sua arte preziosa allestendo uno spettacolo solo per lui. Il giocoliere riuscì, grazie alle sue palline colorate, a far sorridere il Bambin Gesù.

 

9. Il ricco pranzo natalizio polacco
In Polonia il pranzo natalizio consta di ben 12 portate, precisamente una per ogni apostolo di Gesù.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder